Magazine 02/16 -

Una tutela per gli imprenditori

Le piccole e medie imprese (PMI) costituiscono la spina dorsale dell’economia altoatesina e, con una percentuale del 99,7%, dominano il panorama aziendale locale. Poiché ogni attività imprenditoriale cela dei rischi specifici, è imprescindibile un’adeguata tutela assicurativa.

Che si tratti di start-up o società consolidate, tradizionali realtà a conduzione familiare o imprese in corso di cessione, non c’è fase nella vita di un’azienda che sia immune dalle insidie. L’assicurazione aziendale copre una serie di rischi legati all’esercizio dell’attività e, in caso di sinistro, offre la liquidità necessaria a garantire l’operatività. Le principali componenti sono: assicurazione del fabbricato e degli impianti, interruzione esercizio, responsabilità civile dell’impresa e tutela giudiziaria.

Rami economici

21,8 % Industria, 78,2 % Servizi

FONTE: ASTATINFO 44/2014

13,4 %

edilizia

13,3 %

attività professionali,
scientifiche e tecniche

19,7 %
servizi di alloggio
e ristorazione

20,2 %
commercio, riparazioni di autoveicoli e motocicli


Decisiva la stima del rischio

Prima di stipulare il contratto d’assicurazione, è bene che l’imprenditore, ma soprattutto il fondatore d’impresa, proceda con la rilevazione dei rischi. Poiché ogni ramo d’attività comporta insidie diverse, è necessario innanzitutto determinare la situazione di partenza. “Il criterio per procedere in questa fase è la valutazione dell’attività esercitata e dei potenziali pericoli connessi”, ci spiega Robert Asanger, responsabile del ramo danni presso Raiffeisen Servizi Assicurativi. Nel caso di un grafico che esercita la sua attività in uno studio, ad esempio, i rischi sono facilmente determinabili: la copertura assicurativa potrà interessare i locali e i dispositivi elettronici presenti, come PC, tablet e smartphone. Se l’analisi è condotta, invece, su un’impresa manifatturiera come una falegnameria, la rilevazione sarà più ampia e, oltre alla responsabilità civile verso terzi, dovrà coprire anche il rischio d’infortuni sul lavoro e di malattie professionali.

Consulenza individuale in loco

I consulenti aziendali delle Casse Raiffeisen conoscono bene le esigenze delle imprese locali e procedono alla rilevazione dei rischi, relativamente all’attività esercitata, insieme al titolare. Dei circa 15.000 addetti delle piccole e medie imprese, quasi il 40% è un imprenditore o un familiare collaboratore: proprio per questi soggetti, oltre all’assicurazione aziendale, è bene prevedere anche una forma di tutela privata.
Tra i rischi più gravi da coprire rientrano l’invalidità, la protezione dei superstiti, la salvaguardia della salute e del patrimonio.

 

 

Per ulteriori informazioni e una consulenza individuale, è possibile rivolgersi alla propria Cassa Raiffeisen.

Ben protetti – Una società in cambiamento

Piccole e medie imprese (dati aggiornati al 2011)
144.670
Addetti
42.984 Piccole e medie imprese

 

Addetti
39,1 %
Imprenditori e collaboratori familiari
60,6 % Lavoratori dipendenti

 

Fonte: astatinfo 44/2014

Assicurazione contro la grandine 2016

Da marzo, gli agricoltori hanno la possibilità di assicurare frutteti e vigneti dal rischio di grandine, proteggendo il raccolto. Raiffeisen, che si avvale della collaborazione di Vereinigte Hagelversicherung, la maggior compagnia europea specializzata in questo settore, negli ultimi quattro anni ha liquidato ai contadini altoatesini oltre 16 milioni di euro attraverso l’assicurazione contro la grandine.