Magazine 04/19 -

Una tutela completa per l’agricoltore

La maggior parte delle aziende agricole dell’Alto Adige è a conduzione familiare, pertanto il loro successo è strettamente legato alle prestazioni dell’agricoltore e dei suoi collaboratori. Proprio per questo motivo, l’imprenditore deve pensare alla propria sicurezza e a quella della famiglia.

Foto: Ewald Fröch, Maria Sbytova – Adobe Stock

Secondo l’Istituto provinciale di statistica Astat, circa 20.000 aziende agricole altoatesine, con una superficie media di circa 12 ettari, sono gestite prevalentemente in modo autonomo. Si tratta quasi esclusivamente di imprese a conduzione familiare, che si occupano soprattutto di allevamento, frutticoltura e viticoltura. Le indagini indicano le attività accessorie come la categoria più rappresentata, con quasi il 50% sul totale. Alcuni ­agricoltori dedicano addirittura la maggior parte del loro tempo a ­occupazioni ­extra-aziendali, che sono esplicate nel ­commercio, nell’industria alberghiera, nell’artigianato e nella pubblica ­amministrazione. Particolarmente frequente nelle zone rurali di montagna è la cooperazione tra agricoltura e ­turismo: circa il 13 percento delle aziende ­agricole si sono trasformate in agriturismi.

Le famiglie agricole dovrebbero sempre avere una buona copertura per i rischi personali, come l’inabilità al lavoro e il decesso
Landwirt mit dem Traktor auf dem Feld

Tutela dei dipendenti e della famiglia

Il maso e l’azienda richiedono il massimo ­impegno, non solo durante il periodo del raccolto, bensì tutto l’anno. Macchine da lavoro difettose, danni alle proprietà vicine causati dai sistemi di irrigazione o un’assenza imprevista del titolare possono avere gravi conseguenze che si manifestano in perdite di reddito, minando la sussistenza dell’agricoltore. In questo settore si deve tener conto dei rischi personali dei familiari e dei lavoratori, nonché di quelli dell’azienda stessa, e far sì che le conseguenze finanziarie in caso di sinistro siano sostenibili. La prevenzione, in particolare per la famiglia, è fondamentale, poiché tutto dipende dalle sue prestazioni.


Necessità di maggiore copertura

La valutazione dei rischi, a livello di copertura personale, è diventata più difficile. A causa dei tagli pubblici, ma anche delle nuove costellazioni familiari, nel settore privato c’è un maggior bisogno di protezione: i rischi personali da tutelare sono malattia, inabilità al lavoro/invalidità, decesso e mantenimento dei superstiti, nonché la necessità di assistenza ai lungodegenti.

Importante da sapere: i regimi assicurativi ­obbligatori come l’INAIL offrono generalmente solo un livello minimo di copertura agli agricoltori. Alcuni rischi come l’inabilità al lavoro o l’assenza dall’attività a causa di infortuni nel tempo libero non sono coperti o lo sono solo parzialmente. Le Casse Raiffeisen offrono consulenza agli agricoltori, sia in merito all’assicurazione aziendale che a quella personale, proponendo soluzioni commisurate alle loro esigenze.

Una tutela completa per la casa e il maso

BEN PROTETTI – Tutelarsi dai rischi

Protezione dell’azienda

  • Difesa del patrimonio aziendale (rischi di responsabilità civile, tutela legale)
  • Tutela di beni e attrezzature (danneggiamento e distruzione)
  • Salvaguardia del reddito (interruzione dell’attività)
  • Sicurezza per strada (responsabilità civile auto)

Protezione della vita privata

  • Malattia
  • Inabilità al lavoro/invalidità
  • Premorienza/assistenza ai superstiti
  • Non autosufficienza

 

Protezione del raccolto

  • Assicurazione controla grandine

 

Protezione del bestiame


Fonte: Raiffeisen Servizi Assicurativi