Magazine 06/19 -

Finanziamenti BEI a tassi agevolati per le imprese disposte a investire

Per la quinta volta, a ottobre, è stato firmato un accordo tra la Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige e la Banca europea per gli investimenti (BEI), con l’obiettivo di fornire alle piccole e medie imprese locali mutui e finanziamenti leasing a condizioni vantaggiose.

Da sx. a dx., il notaio Elio Villa, Anna Fusari e Federico Greco, rappresentanti BEI, con Johann Schmiedhofer, vicedirettore della Cassa Centrale, alla firma dell’accordo

In Alto Adige, si continua ad assistere a una fervente attività d’investimento. Per questo motivo, le imprese sono alla ricerca di forme di finanzia­mento a condizioni “agevolate”, che la Cassa Centrale mette ora a disposizione grazie al nuovo accordo sottoscritto con la Banca europea per gli investimenti. “La BEI offre le risorse finanziarie a tassi di favore”, spiega Johann ­Schmiedhofer, vicedirettore della Cassa Centrale Raiffeisen, “che riesce a ottenere grazie al suo eccellente rating AAA sui mercati finanziari”.


Tasso agevolato, nessuna imposta sostitutiva

Obiettivo di questo particolare finanziamento è quello di stimolare l’economia locale. Grazie all’accordo con la Cassa Centrale, le piccole e medie imprese possono chiedere mutui o ­leasing per i loro progetti d’investimento, potendo contare sui benefici economici legati ai ­finanziamenti BEI, che le Casse Raiffeisen girano ai loro clienti. Tra questi, sicuramente un tasso inferiore alle consuete condizioni di mercato e l’esenzione dall’imposta sostitutiva. “Per le aziende disposte a investire si tratta di un’ottima opportunità per finanziarie i propri progetti a condizioni di favore”, prosegue ­Schmiedhofer.

Forte domanda da parte di imprese attive

I mutui BEI agevolati hanno riscontrato, negli scorsi anni, un vasto favore. Attraverso le intese siglate nel 2011, 2013, 2015 e 2017, le Casse Raiffeisen hanno erogato complessivamente alle imprese locali, per il tramite della Cassa Centrale, finanziamenti per 120 milioni di euro. Con il nuovo accordo, saranno stanziati altri 30 milioni. Le risorse BEI vengono concesse sotto forma di mutuo a medio e lungo termine o di leasing, alle aziende con meno di 250 occupati operanti in quasi tutti i rami economici. Questi prestiti hanno una destinazione vincolata, poiché i ­fondi possono essere utilizzati esclusivamente per il finanziamento dei progetti designati.

Che cos’è la Banca europea per gli investimenti (BEI)?

Compito della BEI è quello di promuovere gli obiettivi dell’Unione Europea, attraverso il finanziamento a lungo termine di progetti d’investimento sostenibili, le cui risorse non vengono reperite dal bilancio UE, ma sui mercati dei capitali. La BEI finanzia un’ampia gamma di progetti nei diversi rami economici dei Paesi UE, erogando i mutui prevalentemente attraverso istituti partner: banche e istituzioni finanziarie ottengono cosiddetti “prestiti globali”, finalizzati a supportare le piccole e medie imprese in progetti considerati “ammissibili”.