Magazine 03/18 -

Come sono tutelati i volontari

Il volontariato in Alto Adige è organizzato in primo luogo attraverso organizzazioni e circoli attivi nei settori più disparati. Abbiamo chiesto a Norbert Spornberger, esperto di Raiffeisen Servizi Assicurativi, come sono tutelate le persone che ­collaborano a titolo onorifico.

Foto & illustrazioni: Shutterstock

Sig. Spornberger, nei circoli sportivi, nelle associazioni giovanili e nelle organizzazioni ecologiche sono attive molte persone. Come sono protette?
Norbert Spornberger. Chi è impegnato come volontario, di regola, è coperto dall’assicurazione della responsabilità civile obbligatoria per legge, che lo tutela da eventuali richieste di risarcimento, e in alcuni casi anche dall’assicurazione contro gli infortuni. Perché un’attività possa essere considerata volontaria, devono essere soddisfatti cinque requisiti: deve avvenire su base volontaria, appunto, dev’essere non retribuita, continuativa, organizzata e deve andare a beneficio di altre persone.

Chi risponde nel caso in cui un volontario ­subisca un infortunio?
Norbert Spornberger. La copertura contro gli infortuni prevista dalla legge NON interviene. Per questo, è consigliabile che l’associazione cui fa capo il volontario stipuli un’assicurazione che interviene a fronte degli infortuni occorsi durante l’attività di volontariato, ma anche sul percorso dal domicilio al luogo in cui la esercita e viceversa.

Ben protetti – Tutelarsi dai rischi

Raiffeisen offre soluzioni assicurative in ogni ambito

FONTE: RAIFF. SERVIZI ASSICURATIVI

Illustration Apfel

Raiffeisen assicura ­organizzazioni operanti ­nei più ­disparati settori:

economia, ­artigianato, ­agricoltura, protezione civile, ambiente, sociale, cultura, sport e svariate ­manifestazioni

Illustration Fussball

Numero delle associazioni di volontariato iscritte nel registro provinciale: circa 2.100
Il 60 percento circa sono assicurate tramite Raiffeisen Servizi Assicurativi (RVD)

Fonte: Ufficio Affari di gabinetto e Raiffeisen Serv. Assicurativi


Cosa succede se un volontario accidentalmente ferisce qualcuno o arreca danni materiali?
Norbert Spornberger. Non esiste un’assicurazione contro la responsabilità civile obbligatoria per i volontari. Innanzitutto, va stabilito se la persona opera per un’associazione: in tal caso, è l’organizzazione che risponde per il danno causato. Qualora ci siano dei dubbi, è bene informarsi se l’associazione è coperta anche contro la responsabilità civile. Le organizzazioni assicurate attraverso Raiffeisen hanno stipulato una polizza collettiva contro la responsabilità civile, che subentra a favore di tutti i soci.

Interviene anche un’assicurazione privata ­della responsabilità civile?
Norbert Spornberger. In linea di principio sì: molte tariffe prevedono la copertura dei volontari durante la loro attività, ma spesso sono escluse le cariche direttive e le funzioni di responsabilità.

Come vengono assicurate le associazioni da Raiffeisen Servizi Assicurativi?
Norbert Spornberger. Prima di tutto, è importante rilevare il fabbisogno assicurativo dell’organizzazione. Dopo aver analizzato tutti i rischi ­presenti, sviluppiamo un concetto ad hoc. Oltre alla responsabilità civile e all’assicurazione contro gli infortuni, di solito consigliamo di stipulare anche una polizza di tutela legale.

Soluzioni assicurative